Prestiti Dipendenti e Prestiti Pensionati INPS INPDAP

Prestiti Cessione del Quinto Dipendenti e Prestiti Pensionati INPS INPDAP 10 Mar

Calcolo Cessione del Quinto

Come effettuare il Calcolo Cessione del Quinto Senza Errori

Il Calcolo Cessione del Quinto è un operazione abbastanza semplice, e se in possesso del certificato di stipendio, da far compilare alla propria amministrazione, dove verranno inseriti tutti i dati utili al calcolo del quinto, il tutto sarà ancora più semplice e veloce.

Calcolo Cessione Quinto dello Stipendio da Certificato di Stipendio

Solitamente nel certificato di stipendio, oltre che i dati dell’azienda, verranno inseriti anche i dati del dipendente riferiti non solo posizione lavorativa come data di assunzione, ma anche dati come lo stipendio annuo lordo del dipendente, quello lordo mensile, le varie trattenute di legge, pignoramenti ed eventuali altri prestiti come cessione del quinto, prestiti delega di pagamento o un prestito aziendale. In questo caso per calcolare la cessione del quinto basterà prendere il dato dello stipendio netto e dividere per 5, così facendo avremo calcolato un quinto dello stipendi, la rata massima per il prestito con cessione del quinto.

Calcolo Cessione del Quinto da Busta Paga

Dalla retribuzione mensile lorda, dovremmo sottrarre le voci riferite alle trattenute in busta paga, così avremo la retribuzione mensile netta. A Questo punto basterà dividere tale importo per 5 per avere la rata di cessione del quinto disponibile.

Calcolare Cessione del Quinto

Per sapere come si calcola un quinto dello stipendio, considerando di non avere altre trattenute in busta paga, si dovrà procedere nel seguente modo:

Stipendio mensile netto € 1.200,00

Rata massima € 240,00

Da sottolineare che l’importo di € 240,00 non può essere aumentato, pena nullità del contratto, viceversa è possibile scegliere una rata inferiore.

Simulazione Cessione del Quinto con Pignoramento

Altro esempio potrebbe essere il calcolo del quinto dello stipendio da certificato con pignoramento in corso:

Stipendio mensile netto € 1.200,00

Rata Pignoramento € 240,00

Rata massima Cessione del Quinto € 192,00

In questo caso dallo stipendio netto si dovrà sottrarre la rata di pignoramento presente e solo a questo punto dividere per 5.

Simula cessione del Quinto

Mesi

Compila i campi richiesti ed ottieni il calcolo

SEI INTERESSATO AD UNA CONSULENZA O UN PREVENTIVO CESSIONE DEL QUINTO? CONTATTAMI!

Cessione del quinto Poste

Cessione del quinto Poste Italiane in convenzione con Credem Banca

La cessione del quinto è uno dei prestiti per dipendenti pubblici, statali e privati maggiormente utilizzati, per questo Credem Banca permette a tutti coloro che sono dipendenti a tempo indeterminato presso “Poste italiane” di avvalersi del prodotto cessione del quinto poste italiane in convenzione e Delega di pagamento.

L’accordo nasce dalla trasparenza e serietà dei due istituti. Questo permette ai dipendenti di Poste italiane di usufruire di una consulenza diretta e professionale, ma soprattutto di un prodotto Bancario garantito da un gruppo agile, solido e chiaro.

Quali sono Vantaggi della Cessione del quinto Poste Italiane?

  • teg/taeg-isc   3 punti inferiori rispetto alle soglie usura trimestrali
  • puoi utilizzare fino al 40% del tuo stipendio come rata complessiva del prestito, dilazionati poi anche in una durata massima di 120 mensilità
  • la rata verrà trattenuta direttamente dalla tua busta paga e versata dall’ente Poste Italiane a Credem banca ogni mese con perfetta regolarità
  • se sei stato segnalato come cattivo pagatore oppure protestato, questo è  l’unico finanziamento che puoi ottenere senza alcun problema
  • nessun rischio di rata insoluta
  • polizza rischio vita ed impiego inserita nel tan (tasso annuo nominale)
  • la rata la puoi scegliere tu e la stessa cosa per la durata, da un minimo di 24 mensilità ad un massimo di 120 mensilità

Poste italiane cessione del quinto, questi sono alcuni dei vantaggi

Oggi la cessione del quinto dello stipendio poste italiane viene utilizzata anche forma di prestito consolidamento debiti o di ristrutturazione delle varie posizioni debitorie. Molti dipendenti di poste Italiane si sono avvalsi della facoltà di poter estinguere posizioni debitorie gravose anche in busta paga rinegoziando il prodotto cessione del quinto ad un TASSO  e CONDIZIONI più Vantaggiose.

Scegli la Cessione del quinto Poste Italiane in convenzione Credem

il preventivo ti verrà fornito subito dopo che avrai inviato la documentazione essenziale per forniti una proposta precisa, ovvero:

  • busta paga recente
  • cud anno corrente
  • carta identità
  • tessera sanitaria o codice fiscale

Possibilità di fissare un appuntamento in una delle 600 e più agenzie Credem Banca  sul territorio nazionale, oppure al vostro domicilio.

Puoi contattarmi 7 giorni su 7 al mio recapito telefonico 3398070359 oppure compilando il form qui a fianco, non esitare “passione e responsabilità a disposizione delle tue domande.

 

PRESTITO RATA UNICA

Il prestito con rata unica ,consiste nel poter inglobare in una sola soluzione più prestiti.

Potendo diminuire l’esposizione al credito o al debito che grava sul reddito mensile (busta paga o cedolino inps) , sia di un pensionato inps,che di un lavoratore autonomo o di azienda privata, pubblica o statale.

Il prestito a rata unica ti permette di poter “estinguere i prestiti “personali o cessioni del quinto stipendio o pensione inps e quindi ogni tipo di impegno gravante sia sul Rid Bancario che Postale , come per esempio alcuni tra questi :

  • prestito personale
  • prestito con carta prepagata /  carta revolving
  • prestito in busta paga Cessione del quinto pubblico / Cessione del quinto noipa
  • prestito con cessione del quinto della pensione inps ex inpdap 

Come Calcolare la rata prestito ?

Per poter calcolare il preventivo oppure simulare la rata del prestito e durata  del prestito bastano davvero pochi passaggi.

Dovrai fornire solo pochi documenti reddituali, tra i quali:

  • Busta paga
  • Cud certificazione unica  anno corrente
  • Se sei un pensionato – CUD INPS o Cedolino pensione OBIS M INPS

Inoltre per Consolidare i debiti presenti ,è basilare avere con se le  copie dei contratti prestiti di finanziamento come per esempio alcuni tra questi:

  • prestito auto
  • prestito mobili
  • prestito ristrutturazione casa
  • prestito dentista
  • prestito motocicletta
  • prestito matrimonio

Verrà fatto un calcolo preciso  relativo al debito residuo  che tua hai al netto degli interessi, (quota capitale).

Dopo di che ,si procede nel richiedere i conteggi d’estinzione alla rispettive finanziarie o banche.

Per legge i conteggi estintivi vengono evasi entro dieci giorni lavorativi.

Ottenuti i documenti utili a conteggiare il saldo da estinguere ,si può procedere alla chiusura del debito residuo  con un semplice bonifico bancario.

Perché consolidare i prestiti ?

Il motivo che ci spinge a consolidare  i finanziamenti ovviamente è dettato dal fatto che una volta esposti a più riprese con: Mutuo casa, rata auto, rata arredamento ect.  ci si rende conto che ci si è ormai troppo esposti , rispetto alle entrate mensili.

Il più delle volte lo si fa inconsciamente,sapendo che si può rateizzare i prestiti per durate anche decennali.

I nostri clienti spesso ci raccontano che si sono “fatti prendere un po’ la mano” con i prestiti/credito  al consumo , ed oggi non riescono  più ad adempiere agli impegni presi con le banca oppure le finanziare, per svariati motivi.

Quindi il prestito che unifica più rate , migliora di sicuro la vita del consumatore. In che modo?

Riducendo o diminuendo  la rata mensile e di conseguenza riducendo l’esposizione al debito ma  solo allungandola nel tempo .

Chi nel tempo si dimentica di pagare le rate dei prestiti finisce per trovarsi una situazione poco piacevole.

Il mancato pagamento di una o più rate comporta la segnalazione alla centrale rischi come cattivo pagatore. (prestiti cattivi pagatore).

Chi invece finisce con non pagare una cambiale ancora peggio si trova ad essere Protestato. (prestiti protestati).

Queste situazioni sono all’ordine del giorno per chi come me svolge questa attività.

Ormai la maggior parte di chi richiede un prestito personale o cessione  del quinto dello stipendio o cessione del quinto della pensione inps  ex inpdap manifesta  queste problematiche.

Quando ci si trova in questa posizione debitoria come cattivo pagatore (segnalato in crif ) ha un  soluzione , l’unica !!! quella di richiedere un prestito mediante il quinto della busta paga oppure  un prestito mediante il  quinto della pensione inps ec inpdap.

Per coloro che credono di ottenere un prestito personale con queste gravosità si illudono di poterlo trovare. Il vostro nome e cognome si trova nella banca dati generale e quindi di dominio di tutti gli operatori bancari e finanziari.

L’ Unico rimedio è quello di poter inizialmente rientrare nei pagamenti delle rate insolute.(regolarizzare i pagamenti)  Dopo di che , attendere che la centrale rischi Crif si regolarizzi e PULISCA  il vostro profilo.

Potrebbero  passare mesi se non anni prima di ottenere nuovamente anche un piccolo prestito.

Prestito rata unica cattivi pagatori/ protestati

Se sei segnalato in centrale rischi (CRIF) come cattivo pagatore o Protestato  allora potrai solo con la cessione del quinto dello stipendio oppure con la cessione del quinto della pensione inps ottenere la soluzione di prestito una rata unica.

Cosa serve per simulare un prestito rata unica  ?

Le fasi per calcolare  la rata unica in un consolidamento debito  ,sono poche:

  • Fornire all’incaricato bancario i documenti reddituali e d’identità;
  • Preventivo di prestito personale o preventivo di cessione del quinto;
  • Aderire al prodotto di finanziamento proposto;
  • Sottoscrivere il contratto di finanziamento;
  • Liquidazione finanziamento con estinzione debiti residui prestiti;

Caratteristiche prestito rata unica

Il prestito di consolidamento  prevede queste condizioni:

  • tan fisso
  • taeg fisso
  • rata fissa
  • durata fissa

Cosa aspetti?

Entra in Banca Credem e scopri come si fa ad ottenere un prestito veloce. Un prestito su misura per te.

Oggi  i prestiti Credem Banca sono sinonimo di trasparenza e serenità, tra i quali:

  • Prestiti inps ex inpdap;
  • Prestito cessione del quinto
  • Prestiti consolidamento debiti;
  • Prestiti personali;

Contattaci telefonicamente oppure compila in nostro FORM e presto ti richiamiamo noi.

CESSIONE DEL QUINTO “NOIPA CREDITO NET”

CESSIONE DEL QUINTO  “NOIPA  CREDITO NET” BANCA CREDEM

Nel 2017 possiamo affermare che ormai quasi tutte le Amministrazioni Statali e Ministeriali  abbiano   aderito a NOIPA CREDITO NET .

Che cos’è?

Nello specifico  è un semplice sistema di gestione informatico delle partite stipendiali di ogni lavoratore  presso una Amministrazione statale.

Ovviamente questa piattaforma è stata prodotta dal Ministero dell’ Economia e Finanze per la gestione economica degli stipendi dei dipendenti pubblici e statali.

Grazie a questo  portale informatico , le amministrazioni centrali e locali di tutta Italia  , oggi  riescono a gestire , non solo come accennato prima le partite stipendiali dei dipendenti , ma anche  il registro delle presenze sul lavoro e assenze dal lavoro .

Entriamo nell’argomento Prestiti Noipa Credito net

NOIPA permette anche  una gestione centralizzata  delle trattenute in busta paga relative ai prestiti con CESSIONE DEL QUINTO  oppure  con DELEGAZIONE DI PAGAMENTO . In questo caso Banca Credem si fa luce  con i suoi prodotti di finanziamento , nel poter offrire il proprio contributo operativo per chi vuole ricevere un servizio  sicuro , chiaro e trasparente , garantito da un ente statale in collaborazione con un istituto bancario.

CHI HA ADERITO ALLA GESTIONE NOIPA?

Le Amministrazioni Statali  amministrazioni pubbliche locali quali Comuni, ASL Se volete Potrete  consultare l’elenco azienda in convenzione su questo sito.

I VANTAGGI NOIPA E CREDITO NET nella  CESSIONI DEL QUINTO:

Aderire a NOIPA , di diritto concede  a tutti i dipendenti statali i vantaggi del  CREDITO NET fino a poco tempo  fa  era  riservato solo ai dipendenti pubblici amministrati dalle Direzioni Provinciali del Tesoro.

Ricevendo autorizzazione firmata  dal dipendente  sul trattamento dei dati personali si  potrà interagire ed interrogare il sistema CREDITO NET  e poter scaricare l’allegato stipendiale che evidenzia i dati reddituali del dipendente  e il suo QUINTO utilizzabile per procedere con la cessione del quinto o delegazione di pagamento.

I VANTAGGI NOIPA CREDIT NET DELEGAZIONE DI PAGAMENTO

Chiamata anche DELEGA DI PAGAMENTO  o PRESTITO DOPPIO QUINTO , prima di procedere con la richiesta del finanziamento bisogna verificare che  la propria Amministrazione abbia stipulato una apposita Convenzione Con Credem Banca per scoprire se ci sono per voi maggiore agevolazioni.

Nel caso cosi non fosse,nessun problema possiamo procedere sempre in convenzione ma con i parametri nazionali..
NOIPA  dispone  di una Convenzione Unica  che si estende come validità a tutte le Amministrazioni aderenti.

Tassi interesse convenzione per delegazione di pagamento NOIPA

La tabella  di Convenzione indicati in maniera chiara e semplice  che il tasso applicato debba essere inferiore di 8 punti rispetto al tasso soglia usura fissato trimestralmente da Banca d’Italia per la categoria “altri finanziamenti alla famiglia e alle imprese”.

Condizioni dei tassi delegazione di pagamento statali

Per  per il trimestre in corso tale tasso soglia è del 16,875% ( il tasso attuale di Convenzione NOIPA è quindi del  8,875%.)

potete comunque verificare  il sito di banca d’italia,che ogni tre mesi potrà subire variazioni ed aggiornamenti.

Come procedere con la cessione del quinto noipa credito net

i documenti per la cessione del quinto da fornire sono pochissimi,qui te li elenchiamo:

  • busta paga recente
  • cud anno corrente
  • carta identità
  • tessera sanitaria

una volta inviatoci tramite email la documentazione possiamo richiedere al CREDITONET L’allegato B1 ove viene indicato il QUINTO CEDIBILE MASSIMO disponibile per il preventivo.

Una volta ricevuto il consenso al preventivo  procediamo con la sottoscrizione dell’istruttoria e la conseguente firma dei contratti. Trasmetteremo il contratto sottoscritto all’amministrazione competente che rilascerà in breve tempo il nulla osta o atto di benestare per poter procedere alla liquidazione del tuo prestito.

Qui ovviamente ho fatto un semplice riassunto della procedura di lavorazione di una pratica di quinto dello stipendio statale ma credetemi lo schema operativo è questo e i tempi di risposta sono davvero rapidi.

Allora cosa aspettate, scoprite la cessione del quinto noipa è semplice ricevere un preventivo e una consulenza bancaria.

Contattaci ai numeri telefonici indicati oppure compila il form e ti richiamiamo noi.

DIFFERENZA TRA PRESTITO PERSONALE E CESSIONE DEL QUINTO

Il prestito personale è un credito che rientra nella categoria dei prestiti non finalizzati; vuol dire che, chi richiede un  prestito potrebbe utilizzarlo per le più svariate esigenze di spesa oppure necessità (da cui appunto la dicitura di “prestito non finalizzato”).

Tra  le finalità troviamo :

  • spese di matrimonio
  • spese dentistiche
  • ristrutturazione casa
  • acquisto di mobili per l’abitazione
  • acquisto elettrodomestici
  • viaggi e vacanze
  • spese mediche
  • acquisto di un box

infine, si può effettuare richiesta di prestito personale anche solo per ottenere solo della liquidità .

Come funzione il prestito personale?

Essendo un finanziamento non finalizzato, l’ente bancario  che eroga il prestito può richiedere i seguenti documenti:

  • carta identità
  • tessera sanitaria
  • cud anno corrente (lavoratore dipendente)
  • busta paga (lavoratore dipendente)
  • estratto conto corrente
  • modello unico (se il richiedente fosse un lavoratore autonomo)

Fate Attenzione al prestito personale:

La banca richiede al cliente  come intende investire  la somma, ovviamente portando con sé un preventivo delle spese: le condizioni praticate da banche e finanziarie variano  a seconda della finalità .Nella richiesta di prestito è quindi basilare indicare lo scopo  del finanziamento.
Ricorda  che è possibile estinguere il prestito anticipatamente rispetto ai tempi e termini concordati, e che con un prestito personale puoi ottenere importi elevati  con durate di restituzione fino a 10 anni, cosa che ti permette di ridurre la rata all’ammontare per te più semplice e pratico.

Mediamente i i pensionati possono richiede un prestito personale non oltre i 75 anni di età.

Se invece hai già dei prestiti personali in corso o altri impegni come il mutuo  casa e in questi casi non sei stato regolare nel pagamento delle rate, con grande probabilità rientri nei cosiddetticattivi pagatori (segnalazione crif centrale rischi) e che quindi il prestito personale difficilmente, se non impossibile, ti verrà concesso . Ti ricordo che tu firmando i contratti di prestito garantisci sul regolare pagamento nella data concordata con l’istituto di credito che ti ha finanziato. Fai molta attenzione!

Se ti viene rifiutato un prestito personale e rientri nella categoria dei lavoratori dipendenti di aziende private o pubbliche oppure sei pensionato allora potresti trovare una valida alternativa in un altro prestito chiamo Cessione Dei quinto Dello stipendio o cessione del quinto della pensione.

Introduciamo un altro prodotto:

La cessione del quinto dello stipendio o della pensione è una formula di finanziamento garantita non finalizzata che ogni lavoratore  dipendente ha diritto di accedere per decreto legge.

La stessa cosa fu poco dopo  introdotta anche per i pensionati che ricevono il proprio salario da inps (ex inpdap), enpals, enasarco e altri enti pensionistici.

La cessione del quinto prevede di finanziare anche coloro che hanno avuto problemi di questo tipo:

insomma tutti coloro che rientrano in queste situazioni non devono avere il timore che la richiesta di cessione del quinto gli venga rifiutata.

A differenza dal prestito personale, la trattenuta sullo stipendio o pensione non prevede una verifica di queste negatività sul tuo profilo bancario.

Quindi, se sei tra queste categorie puoi senza problemi ottenere un prestito mediante cessione del quinto o della pensione. Infatti sei tu che cedi in maniera volontaria il tuo 20% dello stipendio o della pensione.

Come funziona la cessione del quinto?

Molto semplice, se sei un lavoratore dipendente dovrai fornire pochi documenti:

  • busta paga
  • cud anno corrente
  • carta identità
  • tessera sanitaria

ancor più facile lo sarà se sei un pensionato inps ,ex inpdap , enasarco enpals o altre categorie:

  • cedolino della pensione
  • cud anno corrente inps
  • carta identità
  • tessera sanitaria

Con questi pochissimi documenti consentono all’istituto bancario in pochi minuti di fornirti un preventivo dettagliato con tutti i costi;credimi i tempi per darti un esito sono davvero minimi.

Il prestito prevede una rata fissa e durata fissa. La rata non può mai superare il tuo 1/5 dello stipendio o della pensione

mentre la durata può variare da 24 mesi ad una massimo di 120 mesi.

Sarai assicurato da una polizza che ti coprirà sui rischi vita ed impiego(se sei lavoratore)

Leggi anche: Calcolo Cessione del Quinto / Rinnovo Cessione del Quinto

la cessione del quinto non è accessibile per queste categorie di lavoratori:

  • contratti a tempo determinato
  • contratti interinali
  • contratti a progetto
  • contratti part time verticale

la cessione del quinto non è accessibile per chi lavora presso aziende come:

  • ditte individuali
  • aziende edili
  • s.a.s
  • s.n.c
  • aziende con meno di 16 dipendenti

Come viene pagata la cessione del quinto?

Ogni mese verrà trattenuta dalla tua busta paga o pensione una rata concordata con l’ente erogante per la durata del piano di ammortamento.

Quindi sarà l’azienda dove lavori oppure inps a restituire il prestito.

Cosa aspetti allora entra e compila il form e richiedi un preventivo con una consulenza: veloce,trasparente e professionale

Cessione del Quinto Vigili Del Fuoco

Prestiti Veloci e Cessione del Quinto Vigili Del Fuoco

Se sei arruolato presso lo stimato reparto dei Vigili del Fuoco, allora saprai che essendo dipendente pubblico potrai avvalerti di due prestiti vincolando o cedendo  fino al tuo 20% 0 40% di rata/e sulla tua busta paga. E sono :

  • Cessione del quinto inpdap Vigili del fuoco;
  • Delega di pagamento inpdap Vigili del fuoco;

A condizioni economiche applicate (tan 4,9% medio  – taeg  5,9% medio ) ,Credem Banca  in Convenzione con il comando generale dei Vigili del Fuoco nel territorio nazionale,mette a disposizione non solo un prodotto finanziario,rapido,trasparente ed agevolato , ma aggiunge anche la disponibilità e capacità dei propri consulenti bancari che operano nel progetto QUINTO CREDEM ,nell’esserti vicini e consigliarti la soluzione migliore..

Come funzionano i prestiti a VIGILI DEL FUOCO?

Il dipendente deve mettere semplicemente a disposizione solo pochi ma indispensabile documenti tra i quali:

  • Busta paga recente
  • Cud anno corrente
  • Carta identità
  • Tessera sanitaria.

Il consulente una volta ricevuti i documenti, in meno di qualche minuto ti potrà già fornire un preventivo dettagliato senza margine d’errore.

Il prestito e’ garantito da un istituto bancario come Credem banca e già questo dovrebbe renderti più sereno,inoltre avrai un consulente quinto credem  proprio per te,che ti seguirà l’iter della pratica in queste tre fasi:

  • istruttoria del prestito
  • sottoscrizione del contratto
  • erogazione del finanziamento

Come viene l’ Accredito del prestito :

  • bonifico bancario
  • assegno circolare

Consolidamento debiti cessione del quinto Vigili del fuoco

Se hai dei prestiti e vuoi estinguere questi  debiti attraverso Credem  banca potrai delegando la banca di richiedere per te i conteggi estintivi ovvero ”ESTINZIONE ANTICIPATA”( il debito residuo netto,senza gli interessi)

Come funzione la cessione del quinto Vigili del Fuoco?

Caro lettore,in base al tuo stipendio netto verrà calcolato il tuo quinto cedibile dalla busta paga,precisando pero’ che sarai tu a decidere l’importo della rata e la sua durata.

Potrai in questo  caso utilizzare una rata massima dal tuo cedolino salariale non superiore al tuo 20% dello stipendio netto,se parliamo di cessione del quinto, mentre se parliano anche di delegazione di pagamento fino al 40% totale del tuo salario netto mensile.

La durata della cessione del quinto la potrai decidere tu; puoi partire da una:

  • cessione del quinto durata minima di 36 rate( 3 anni )
  • cessione del quinto durata massima di 120 rate (10 anni)

Ti ricordo che , come tutti i prestiti,anche la cessione del quinto può essere estinta come e quando si vuole anche dopo il pagamento di una singola rata.

Inoltre sai anche che  nella Cessione del quinto o Delegazione di pagamento  sei assicurato ed il costo della Polizza assicurativa VITA sarà spalmata nella rata e inglobata nel T.A.N ( tasso annuo nominale,  i famosi interessi).

A questa polizza ci sarà anche la Polizza assicurativa IMPIEGO  perdita posto di lavoro.

I costi delle due polizze Vita ed Impiego nella cessione del quinto sono variabili

Da cosa dipendono i costi assicurativi nella cessione del quinto ?

  • importo erogato ,
  • età del cedente
  • anzianità di servizio

E’ un prestito sicuro la cessione del quinto?

Si ! Il prestito e’ il più sicuro che si possa trovare sul mercato,il tuo datore di lavoro una volta ricevuto tramite raccomandata la copia del tuo contratto sottoscritto,accetterà la notifica del finanziamento trattenendo e versando all’ente erogante Banca Credem la rata che hai deciso di utilizzare per il prestito.

Ogni mese per tutto il piano di rimborso o ammortamento con regolarità puoi stare sereno e tranquillo perchè sarà obbligo da parte dell’ente di appartenenza rimborsare l’istituto bancario.

Allora cosa aspetti

contattaci al numero telefonico oppure compila il form  cessione del quinto sul sito www.riccardorotiano.it

riceverai subito la consulenza che cercavi.

Prestiti per Dipendenti Ospedalieri e Asl

Prestiti per Dipendenti Ospedalieri e Asl

I lavoratori dipendenti presso tutti gli ospedali ed enti sanitari possono avvalersi di un prestito a condizioni agevolate. Credem Banca si rivolge a coloro che sono assunti con  contratto a tempo indeterminato.

Stiamo parlando  di un prestito che oggi come oggi permette a chi lavora presso le strutture sanitaria e  che desiderano realizzare i propri sogni di ricevere un analisi e preventivo in meno di 1 ora.

Cosa serve?

Per poter formulare un preventivo dettagliato dipendente presso l’azienda Ospedaliera o Asl deve fornire solo pochi documenti:

  • Busta paga
  • Cud anno corrente
  • carta identità
  • tessera sanitaria o codice codice fiscale

Cessione del quinto dipendenti ospedalieri o asl

Il prodotto piu’ utilizzato statisticamente dai dipendenti presso queste amministrazione é la trattenuta mediante una quota chiamata quinto dello stipendio.

Le condizioni del finanziamento sono agevolate; infatti i tassi d’interesse sono nettamente inferiori alla media dei prestiti comuni.

Banca Credem in questi anni ha erogato diversi crediti nei confronti di chi lavora come medico convenzionato oppure infermiere di ospedali su tutto il territorio italiano

I vantaggi della cessione del quinto aziende ospedaliere:

  • rata fissa
  • durata fissa
  • assicurazione rischio vita(compresa nei costi del finanziamento)
  • tassi fissi

Le Condizioni del prestito  quinto dello stipendio aziende ospedaliere:
Il tasso d’interesse è fisso e nel costo del prestito viene inserita una polizza assicurativa obbligatoria sulla vita e contro l’eventuale perdita del lavoro. In caso di estinzione anticipata del prestito è necessario pagare una commissione dell’1% dell’importo rimanente da rimborsare.
 

Delegazione d pagamento o doppio quinto:

Oltre a poter vincolare 1/5 del proprio stipendio,potrai anche valutare su concessione dell’amministrazione  ospedaliera, l’utilizzo di un altra quota della tua retribuzione.

Infatti alcune aziende permettono ai proprio lavoratori di poter usufruire anche di un altro QUINTO ,come quota del proprio reddito mensile.

Insomma potrai arrivare a vincolare fino al 40% del tuo salario mensile per poter ottenere il finanziamento che stai cercando.

Le Condizioni del prestito  delegazione  dello stipendio aziende ospedaliere:
Il pagamento delle rate avviene sempre tramite trattenuta diretta sullo stipendio da parte del proprio datore di lavoro ed è obbligatorio sottoscrivere una polizza assicurativa sulla vita e contro la perdita del lavoro. La durata massima è di 120 mesi ed il tasso d’interesse è fisso per tutto il rimborso del prestito. È sempre possibile estinguere anticipatamente il prestito pagando una commissione dell’1% dell’importo rimanente ed è richiedibile anche con problemi legati ai pagamenti.

ELENCO AZIENDE OSPEDALIERE PER PRESTITI CESSIONE DEL QUINTO CREDEM BANCA:

Qui elencate alcune amministrazioni che Credem banca ha convenzionato per agevolare i dipendenti di aziende sanitaria, asl e ospedali:

  • azienda u.l.s.s 20 Veneto
  • azienda u.s.l Massa Carrara
  • aziensa sanitaria provinciale provincia di Enna
  • azienda sanitaria locale Caserta
  • azienda sanitaria locale Torino 4
  • policlinico di Bari
  • azienda sanitaria locale di Taranto
  • azienda sanitaria di Brindisi
  • azienda sanitaria di Barletta- Trani-Andria
  • azienda sanitaria locale di Foggia
  • azienda sanitaria locale di Cagliari
  • azienda sanitaria locale 5 di Oristano
  • azienda sanitaria di Carbonia
  • azienda sanitaria di Ragusa
  • azienda provinciale sanitaria di Catania
  • azienda sanitaria spezzino
  • azienda sanitaria Napoli Nord
  • azienda ospedaliera di Cosenza
  • azienda ospedaliera San Carlo in Potenza
  • azienda sanitaria locale Matera

Banca Credem é presente su tutto il territorio italiano con i propri sportelli bancari.

Allora entra in credem e scopri come fare per ottenere la cessione del quinto o prestito con delegazione di pagamento come dipendente di azienda ospedaliera o asl.

Oppure contatta il consulente al numero telefonico 3398070359, servizio gratuita esito immediato

 

 

Cessione del Quinto e TFR

Cessione del Quinto e TFR: Tutto quello che devi sapere

Caro lettore,

in questi anni trascorsi nel settore finanziario del credito, spesso ho ricevuto richieste di finanziamento alquanto singolari, spesso legate a informazioni scorrette, se non propriamente a messaggi ingannevoli, assai diffusi nel mare magnum del web.  Insidie dalle quali dovrai imparare a difenderti, cercando ragguagli da chi opera nel settore da anni con correttezza e trasparenza. Sono numerosi i quesiti che mi vengono posti dai richiedenti per dipanare i dubbi riguardo il prestito tramite cessione del quinto e tfr. Qui di seguito ho riportato quelli più frequenti, presentandoli per maggiore chiarezza in forma di Domande / Risposte.

D: Sono un lavoratore dipendente presso un’azienda privata assunto da 3-6 mesi. Posso ottenere il prestito mediante cessione del quinto dello stipendio?

R: No, non è possibile, perché il TFR (trattamento di fine rapporto) che hai maturato sino ad oggi è troppo basso per garantire un’operazione di cessione del quinto. Dovrai maturare almeno un anno di anzianità lavorativa essendo assunto presso un’azienda privata.

D: Per quale motivo “al momento” non si può procedere con l’operazione con cessione del quinto e tfr in garanzia?

R: Se sei un lavoratore dipendente con contratto a tempo indeterminato, mese dopo mese maturerai una quota di TFR sulla tua busta paga, che accantonerai. Tale quota crescerà nel tempo, sommandosi negli anni fino a raggiungere un importo considerevole (salvo che tu non prenda per giusta causa un “anticipo del TFR”).

In ogni caso, aldilà dell’importo di TFR accumulato, una garanzia fondamentale per ottenere un prestito mediante cessione del quinto dello stipendio è rappresentata dal calcolo tra il dato del TFR indicato (lo potrai trovare o sulla busta paga oppure nella certificazione CUD) e il rating assicurativo.

Ad esempio: Importo TFR  2780,00€  x Rating assicurativo 5 = 13900,00€ importo lordo finanziamento

D: Cos’è il rating assicurativo?

R: La cessione del quinto nel settore Aziende Private copre le seguenti ragioni sociali:

  • Srl
  • Cooperative Sociali
  • S.p.A.

Il rating o punteggio che indicavo nell’esempio precedente è frutto di un’attenta analisi di parametri quali: solvibilità dell’azienda, bilanci, pregiudizievoli, numero di dipendenti.

In base a queste considerazioni, le compagnie assicurative incaricate nel coprire il rischio nel prestito mediante cessione del quinto assegnano periodicamente un punteggio che può includere i seguenti esiti:

  • AZIENDA NON GRADITA (quindi operazione non fattibile)
  • tfr 1x 1 1500 tfr  operazione massima nei 1500,00€ lordi
  • tfr 1x 2 1500 tfr  operazione massima nei 3000,00€ lordi
  • tfr 1x 3 1500 tfr operazione massima nei 4500,00€ lordi
  • tfr 1x 4 1500 tfr operazione massima nei 6000,00€ lordi
  • tfr 1x 5 1500 tfr operazione massima nei  7500,00€ lordi
  • tfr 1x 6 1500 tfr operazione massima nei 9000,00 lordi, “massimo rating”

Insomma, più l’importo del TFR è grande, più potrai ottenere liquidità. Sarai poi tu a decidere la rata e la durata del finanziamento.

D: Qual è il compito delle compagnie Assicurative?

R: Nel prodotto sopra citato, in qualità di richiedente di fatto “vincolerai il TFR” a garanzia del prestito, in  parte o completamente, sempre e comunque in base all’importo che hai maturato come dipendente presso l’azienda o il Fondo pensionistico.

Inoltre, pagherai nel TAN (tasso annuo nominale) i cosiddetti interessi, ovvero il costo della polizza assicurativa che viene spalmato nella durata complessiva del finanziamento.

D: Quali sono le coperture Assicurative?

R: nel prestito Cessione del Quinto e TFR esistono due tipologie:

  1. copertura impiego (in caso di perdita del posto di lavoro)
  2. copertura vita (in caso di morte)

Tali coperture sono obbligatorie per legge, in quanto previste dalla normativa che tutela sia l’ente finanziatore sia il dipendente privato.

D: Sono un lavoratore dipendente presso un’azienda privata e ho preso un anticipo sul mio TFR. Posso comunque fare il prestito tramite cessione del quinto dello stipendio?

R: Anzitutto, chiariamo cosa si intende per TFR. Il trattamento di fine rapporto (conosciuto anche come liquidazione o buonuscita) è la somma accantonata dal datore di lavoro che viene corrisposta al lavoratore dipendente nel momento in cui il rapporto di lavoro cessa per qualsiasi motivo. I lavoratori dipendenti possono scegliere di mantenere il TFR in azienda (dunque come liquidazione) oppure di versarlo in un fondo pensione, oppure ancora – in via sperimentale da marzo 2015 – ottenere in busta paga, unitamente alla retribuzione, la quota di trattamento di fine rapporto maturata mensilmente.

Concludendo:Puoi solo avvalerti di questo prodotto di finanziamento solo se, l’azienda per cui lavori e’ assumibile dalla compagnia assicurativa e se hai un TFR considerevole per poter poter coprire il rischio del finanziamento.

Per scoprire se hai il modo di accedere a questa formula di prestito ti invito a compilare il modulo di richiesta preventivo, la stessa è gratuita e non impegnativa.

Cessione del Quinto della pensione in Convenzione INPS

Sei un Pensionato? hai mai sentito parlare della Cessione del Quinto della Pensione in convenzione con INPS?

Con Credem Banca, oggi potrai avvalerti di un rapido, chiaro e sicuro Prestito semplicemente con una quota della tua pensione… ovvero un “ QUINTO DELLA PENSIONE”.

Credem Banca e’ un istituto di credito presente su tutto il territorio nazionale con agenzie dirette che si e’ convenzionato con l’ente statale inps/ex inpdap: per poter agevolare tutti coloro che sono pensionati e vogliono sentirsi rassicurati che il prodotto di prestito abbia tutte le necessarie garanzie Bancarie.

Cosa si intende per Quinto della Pensione?

Gentile pensionato, per calcolare il quinto della tua pensione mensile in maniera quasi certa devi semplicemente fare una divisione matematica. la rata massima che potresti cedere dalla tua pensione ricorda che non deve mai superare il cosi detto quinto.

Esempio cessione del quinto della pensione

Pensione Netta mensile   1000,00 €  :   5  =  200,00€ rata massima del quinto

Ti ricordo che non sei tenuto ad utilizzare il quinto pieno completamente,ma puoi sfruttare anche la rata che ritieni essere piu’ comoda a te.

Ad Esempio: se il tuo quinto e’ 200 €  puoi anche utilizzare la metà ovvero 100,00€ oppure 120,00 €.

L’unico vincolo e’ che non potrai mai superare il tuo quinto massimo che in questo caso risulta essere  200,00€.

Saperne di Più sul quinto inps in convenzione;

L’  Inps rilascia in via telematica comunicando con la Banca Credem la Quota cedibile con un numero progressivo di protocollo.

Nella quota di cedibilità viene indicata la data di rilascio del documento e l’importo della rata massima che il pensionato potrebbe utilizzare dalla sua pensione per ottenere il prestito.

Ovvero se dal documento rilasciato da inps viene riportato l’importo di una rata massima di € 232,99 non potrai “mai” utilizzare una rata superiore, l’inps come l’istituto bancario non potranno accettare la richiesta di prestito.

A CHI CONVIENE LA CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE?

Ovviamente i pensionati che percepisco una pensione netta mensile almeno superiore alle 550,00€.

A coloro che percepiscono una Pensione lavorativa sia come ex dipendenti privati, ex dipendenti delle Poste italiane, Enti statali, arma dei carabinieri, Enpals ed Enasarco, ect, ect;

Qui trovi alcune delle Categorie Pensionistiche finanziabili:

VO;

VOART;

VOCOM;

SO;

SOART;

SOS;

SOCOM;

Per capire a che categoria di pensione appartieni, basta che tu consulti il Portale web  di  Inps  oppure lo verifichi  dal cedolino della pensione OBIS-M.

Ci sono delle categorie pensionistiche che sono “ESCLUSE”, ossia che non si possono avvalere del prestito mediante cessione del quinto della pensione, qui riporto alcun esempi:

Pensione Minima; ( pensione sotto i 480,00€)

Assegni sociali;

Categorie IO   invalidità inabilità;

Caratteristiche della cessione del quinto della pensione

  • Cessione del quinto fino all’eta di 88 anni / 89 anni non compiuti
  • Eta’ massima per accendere al finanziamento 83 anni
  • Durata del prestito da 24 mesi a 120 mensilità (minimo 2 anni/ massimo 10 anni)
  • Copertura assicurativa Credem vita (rischio vita)sarai coperto già dalla prima rata

Documentazione per il prestito con il quinto della pensione

Dovrai fornirci almeno questi documenti identificativi e la tua privacy:

-Carta identità

-tessera sanitaria

-cud inps anno corrente

-cedolino inps obis-m

-quota cedibile della pensione

Non ti preoccupare saremo noi a recuperare se non sei in possesso dei documenti reddituali della pensione ciò che serve.Basta che ci fornirai una tua delega firmata allegando i documenti di identità.

Esempio cessione del quinto della pensione in convenzione

Proviamo ora a vedere cosa Credem Banca in convenzione con inps ti puo’ fare come preventivo, ricordo che questo e’ solo un esempio: tutto puo’ variare in base alla tua età anagrafica, alla rata che puoi utilizzare, alla durata che vuoi per il prestito.

Pensionato nato il 20/08/1948 PRESTITO  EROGATO   20.918,32   RATA euro 250 euro 120 mesi 6,47 % 7,93 %

IMPORTO TOT ALE DO VUTO DAL CONSU MATO RE: euro 30.000 – IMPORTO TOT ALE DEL CREDITO : euro 20.918,32 – COSTO TOT ALE DEL CREDITO :

euro 9.081,68 comprensivo di interessi euro 7.962,48, spese di attivazione pratica euro 350, spese di riscossione e attività postvendita euro 276,

commissioni di distribuzione euro 300, costo per il servizio dovuto all’ente pensionistico euro 193,20 (costo unitario comunicazioni di Legge esente).

Affidarsi ad un professionista per sapere quale importo potrai ottenere oppure quali sono le migliori  condizioni economiche (Tan e Taeg), quale Assicurazione ti coprirà sul  rischio vita,quali tempistiche per  l’erogazione del prestito,sono la prerogativa della buona consulenza bancaria.

Diffida da chi al telefono ti propina Preventivi ed informazioni distorte, credimi un esperto del settore ti farà sentire più sicuro e sereno.

Allora cosa aspetti?

Spero che leggendo questo articolo ti sia convinto che la scelta giusta sia quella di potersi avvalere a mani sicure, sono un agente in attività finanziaria per credem banca e posso farti avere le informazioni che richiedi in meno di un ora, con trasparenza e massima chiarezza.

per contattarmi puoi compilare il modulo di richiesta preventivo, puoi contattarmi al numero telefonico 3398070359 oppure tramite email e se lo vorrai potrai fissare un appuntamento in banca.

Oppure anche una video chiamata.

Grazie per la lettura

Considerazioni Cessione del quinto 2017

Caro lettore,

Scrivo questo articolo  per celebrare i miei 10 anni nel settore finanziario oggi con Credem Banca e condividere con voi utenti le mie personali considerazioni in merito a questo breve percorso professionale che in parte ha coinvolto anche voi.

In questo lasso di tempo, lo sappiamo tutti, l’economia ha subito bruschi rallentamenti  e vertiginosi cambiamenti. La crisi economica ha senza dubbio impaurito chiunque ed indebolito il potere di acquisto di ognuno di noi (autonomi, pensionati, lavoratori). Si lo so!…sembrano e forse lo sono, parole di circostanza.

Ma la responsabilità non e’ solo da attribuirsi alla frase retorica “ le banche non danno piu’ soldi”.

Credo che sia stata anche in po’ la nostra. Con il credito al consumo allargato a qualsiasi oggetto/materiale comprabile ci siamo oltre misura indebitati. La cattiva gestione economica  del patrimonio personale/famigliare ha inciso su questa crisi economica?…forse. Insomma siamo andati oltre la nostra possibilità.

Oggi molti richiedenti di prestito/finanziamento mi raccontano la loro situazione debitoria, e francamente resto allibito da come si possa entrare in questa spirale di indebitamento. Ci troviamo nell’epoca del consumismo piu’ sfrenato e non vogliamo rinunciare a nulla (vacanze, cellulari, auto, pay tv, abiti ect,ect, ect) insomma siamo nell’epoca dell’avere piu’ che dell’essere. Inoltre le multinazionali ci bombardano chiedendoci di acquistare, ci  fanno sognare una vita migliore all’apparenza.

Ma poi perdiamo il lavoro o abbiamo un imprevisto e le rate mensili diventano insostenibili, una montagna da scalare ogni mese.

Caro lettore, diciamocela tutta, manca una cultura finanziaria e soprattutto una attenta gestione delle risorse economiche.

Le reali richieste di  Finanziamento o Prestito sono sempre state le seguenti sotto elencate:

  • Automobile/ moto ciclomotori
  • Arredamento/mobili
  • Viaggi
  • Cure mediche
  • Matrimonio
  • Spese Dentistiche
  • Aiuto figli
  • Consolidamento debiti
  • Ristrutturazione casa
  • Liquidità

Questi sono le dieci richieste  ove si focalizza il credito, ognuno di noi una volta nella vita avrà acceso ad un finanziamento rivolto ad uno dei precedenti punti.

Consulenza finanziaria o venditore?

Ho sempre voluto trasmettere a chi si rivolge a me come agente in attività finanziaria la mia massima esperienza come consulente.

Nella mia seppur breve parentesi professionale ha pagato sempre aver condiviso all’utente chiarezza, sincerità, serietà  ma soprattutto il rispetto.

Ascoltare attentamente le esigenze di chi si rivolge a me per avere un parere o un rimedio alla situazione economica deve essere la prerogativa non del venditore ma del consulente, “la vendita” e’ una conseguenza tra la domanda e la risposta.

Cio’ che oggi conta e’ poter offrire a chi si rivolge ad una banca per avere un prestito la massima deontologia.

Sono finiti i tempi dei venditori o imbonitori da quattro soldi…PER FORTUNA!

Oggi tutti abboccano alla rete mediatica del tipo: PRESTITO IN 24 ORE-PRESTITO LAMPO-FACILE PRESTITO-MIGLIOR PRESTITO-PRESTITO VELOCE, Chi piu’ ne ha, piu’ ne metta.

Oggi quel che conta per cambiare il mercato ed aiutare realmente l’utente e’ l’ascolto.

Caro lettore,

Nessun finanziamento puo ‘ essere erogato in cosi breve tempo, soprattutto se si parla di CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO  oppure CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE.

Siamo in italia te ne sei dimenticato?

La burocrazia e’ sempre la stessa.

A sopperire in questa lacunosa situazione solo chi e’ realmente coinvolto nel suo lavora a 360° gradi ti puo’ davvero consigliare in meglio. Chi ha gli strumenti conoscitivi del mercato ti puo’ davvero aiutare, ma non vendendoti il prodotto sbagliato, ma il finanziamento che puo’ davvero risolvere la tua seria situazione personale.

Credimi non tutti gli operatori di mercato che si occupano di cessione del quinto o altro seguono questa deontologia professionale. Il piu’ di loro non sono interessati alla tua situazione personale, sono sempre legati al passato, ovvero vendere, vendere e ancora vendere con ogni loro mezzo.

E’ finita questa epoca, DIFFIDA di chi ti promette al telefono mari e monti in breve tempo.

Per poter analizzare una situazione economica bisogna fornire queste indicazioni al consulente: 

  • Prestiti attivi (cessione del quinto, prestiti personali, carte di credito)
  • Se hai Segnalazioni in crif o centrale rischi come cattivo pagatore
  • Protesti
  • Pignoramenti

Dopo aver trasmesso al consulente queste informazioni per avere una risposta immediata sulla potenziale Fattibilità occorre fornire sempre un minimo di documentazione reddituale:

Lavoratore dipendente a tempo indeterminato

  • Busta paga
  • Cud certificazione anno corrente

Pensionato

  • Cedolino inps/INPDAP
  • Cud certificazione anno corrente inps/inpdap

Ora il consulente a tutto in mano per analizzare la tua posizione e trovare la miglior soluzione di credito.

Cosa altro dire,  sono felice di condividere le mie esperienze con voi.

Credem banca ha questa prerogativa, ascoltare il cliente ed aiutarlo, ho sposato questa società proprio perchè vede il mondo con i miei stessi occhi, ed i risultati sono le centinaia di “auguri di buone feste” ricevuti proprio dai clienti.

Per questo vi ringrazio

Cordialmente

Riccardo Rotiano agente in attivita finanziaria Credem Banca